email marketing - diple web agency parma

Come creare una campagna di Email Marketing e convertire

Qual è uno dei modi più diretti e immediati per fare marketing?

La risposta è l’email marketing, ovvero quella metodologia che sfrutta il mezzo più comune e utilizzato per comunicare con i clienti, per inviare informazioni, notizie commerciali, aggiornamenti e promozioni. Si tratta di un canale che si può definire preferenziale, poiché permette di rivolgersi direttamente ad un pubblico che ha già manifestato interesse per la tipologia di contenuti proposti.

La domanda sorge spontanea: quante di queste email vengono aperte e lette?

La realtà è che ogni giorno siamo bombardati da messaggi e comunicazioni che arrivano alla nostra casella di posta, lasciandoci completamente indifferenti o, addirittura, infastiditi. Questo succede perché non incontrano il nostro interesse già ad una prima occhiata, oppure perché ne riceviamo veramente troppe.

Come accade in qualsiasi ambito marketing, non solo non si deve esagerare ma, in particolare, è indispensabile studiare una strategia che favorisca la giusta comunicazione e consenta di distinguersi rispetto alla “massa”.

OBIETTIVO EMAIL MARKETING: SOTTOSCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

Inutile negarlo, tra gli obiettivi principali di chi sceglie la strada dell’email marketing c’è certamente quello di ottenere il maggior numero di contatti, ossia di persone iscritte alla newsletter, così da accrescere il bacino con cui si comunica e, di conseguenza, i potenziali clienti.

Il trucco in più…

Sappiamo che il termine “newsletter” è corretto ma, in molti casi, viene associato ad un’azione di spam. Ecco quindi che si può utilizzare qualche accorgimento per aggirare il problema. Giusto per fare un esempio pratico, al posto del classico “Iscriviti alla newsletter” prediligere una call to action differente come “Rimani aggiornato e scopri le nostre novità”. Anche il modulo di iscrizione deve essere il più semplice possibile, ovviamente non troppo – per intenderci, solo l’email non basta –  ed è sempre meglio evitare i pop-up eccessivamente invasivi.

PER L’EMAIL MARKETING SERVE IL CONSENSO

Questo è un altro aspetto spesso non considerato, o sottovalutato per comodità. Bene, non deve essere così, perché in Italia ed Europa non è permesso inviare comunicazioni commerciali senza il consenso dell’interessato che riceverà il messaggio. La procedura tecnicamente viene chiamata “opt-in”: dopo aver inserito il proprio indirizzo email ed eventuali dati richiesti, il nuovo sottoscrittore riceve un’email contenente un link di conferma. il contatto viene inserito nella rubrica solo dopo un click sul link. In questo caso, il consiglio è di scegliere una email di conferma che indichi in modo chiaro la tipologia di comunicazione.

COME INCREMENTARE LA PERCENTUALE DI APERTURA DELLE EMAIL

Alcuni consigli, quindi, per evitare che le tue email vengano classificate come spam.  Inserire sempre un link per annullare la sottoscrizione alla newsletter, così che il destinatario possa cancellarsi dalla mailing list piuttosto che segnalare come spam.

Mai dimenticare un test anti-spam prima dell’invio, ma anche di aggiornare la rubrica contatti.

Infine, attenzione all’oggetto della email.

IL PRIMO APPROCCIO FA LA DIFFERENZA: STUDIA L’OGGETTO DELLA EMAIL.

E’ il biglietto da visita, la sintesi accattivante dell’argomento descritto nella newsletter, e deve colpire e interessare fin da subito. Pena, la non apertura del messaggio. Quindi, studiate attentamente la vostra strategia di comunicazione e tenete presente che deve essere breve e incisivo.

NOTA BENE: evitate oggetti e contenuti esplicitamente pubblicitari, almeno fin dall’inizio. Raccontatevi prima, non abbiate pretta, date valore a quello che rappresentate.

INFINE… MISURA LE CONVERSIONI

Non possiamo dimenticare che lo scopo finale di un’azione mirata di email marketing è quello di ottenere risultati sempre migliori in termini di conversioni, ovvero visite al sito, acquisto di prodotti e interazioni direttamente sul portale ufficiale. Per farlo, è necessario controllare le visite, i risultati di eventuali campagne promozionali

Se ti è piaciuto il nostro articolo e vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo web e digital

Iscriviti alla newsletter

redazione