Le principali caratteristiche per la scelta del servizio hosting

Differenza tra servizio hosting e dominio?

Si tende a fare confusione su questi due termini perché sono legati uno all’altro:

Il dominio, di cui abbiamo parlato nell’articolo precedente “come scegliere il nome del dominioè quel nome che scrivi nella barra degli indirizzi del proprio browser quando vuoi visitare un sito. Il dominio è di proprietà di chi lo registra e può anche non fare riferimento ad un sito, se non è associato ad un servizio hosting che permette la pubblicazione delle pagine.

L’hosting, è il servizio che serve per gestire lo spazio web contenente le pagine del sito web , le caselle di posta elettronica , la gestione del database per tutti quei siti dinamici che hanno dei dati strutturati o che utilizzano CMS del tipo WordPress o Joomla.

Come scegliere il giusto hosting :

Chi è alle prime armi tende a commettere l’errore di acquistare l’hosting più pubblicizzato in rete, ma non necessariamente è il migliore o ancora peggio sceglie quello più economico.
Chi ha una attività e vuole lavorare sul web deve obbligatoriamente ragionare che l’utilizzo di soluzioni gratuite o low cost non fanno al caso loro per una serie di motivi che andremo ad analizzare nel proseguo dell’articoloCome dicevamo all’inizio ci sono molte offerte in giro per la rete e ce ne sono per tutti i gusti, dai servizi gratuiti a servizi a pagamento low cost a soluzioni di alto livello con supporto tecnico dedicato.

Perché il tuo servizio di hosting è a pagamento quando ci sono servizi di hosting gratuiti?

Questa è una delle domande che mi sento fare più spesso e la risposta è molto semplice, il sito ti serve per lavoro o per hobby/gioco?

Se la risposta è per lavoro allora la scelta deve essere orientata ad un servizio a pagamento per una serie infinita di motivazioni che andremo ad elencare.

In primis perché i fornitori di hosting gratuiti, inseriscono banner pubblicitari nello spazio web che regalano o, peggio ancora, inseriscono clausole nei contratti di licenza d’uso che li rendono proprietari dei contenuti. Questo vuol dire che qualsiasi cosa pubblichi all’interno del loro server diventa automaticamente di loro proprietà.

Inoltre questi provider non forniscono un dominio di secondo livello ma di terzo e ciò vuol dire che non avrai un nome di dominio del tipo www.tuonome.com ma ti devi accontentare di qualcosa tipo tuonome.serviziohosting.com

Parlando di prestazione e di supporto in casi di malfunzionamenti, non c’è molto da dire se non che le prestazioni sono scadenti e il supporto diretto non c’è.
I siti pubblicati con questi servizi infatti risiedono su server condivisi da migliaia di utenti e spesso lo usano per hobby e per fare dei test andando a 
sovraccaricare le risorse del server. Un altro fattore da considerare se la scelta è orientata verso un hosting gratuito è l’eventuale migrazione verso un servizio a pagamento nel caso i cui il progetto prenda il volo. Questo fattore è molto importante e non deve essere trascurato perché potrebbe portare a dover rifare il sito web in toto.

Come scegliere il servizio di hosting a pagamento

Ci sono tantissime offerte in giro, tutte molto simili tra loro ma poi andando a vedere i dettagli tecnici ci sono invece una marea di differenze da prendere in considerazione,
di solito le offerte economiche o low cost sono quelle che sembrano che ti regalino di tutto e di più ma poi alla fine il servizio è limitato, il supporto risponde tramite ticket con tempistiche alte e i server spesso subiscono dei down.
Se hai bisogno di un hosting per lavorare ti sconsiglio vivamente questi servizi perché alla minima necessità non avrai la possibilità di ampliarlo e non sarai supportato a livello tecnico.

Ci sarebbe da analizzare veramente caso per caso, e fare un elenco di pro e contro ma diventerebbe un post infinito per cui ora ci limiteremo a fornire le informazioni per la scelta di un servizio hosting di qualità.
Per la scelta del servizio di hosting comunque un consiglio è quello di fare un giro su internet per cercare informazioni sullo specifico fornitore.
Importante la reputazione on line di un hosting: La rete non perdona! Nel settore hosting, se un servizio è buono o scadente, se ne parla nei forum e nei blog. Si trovano esperienze, discussioni e confronti che possono aiutare a scegliere l’hosting migliore per te.

PS fate attenzione però che alcuni servizi hanno buone recensioni solo per il fatto che chi le fa ci guadagna con le affiliazioni.

CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO HOSTING DA VERIFICARE

  • Supporto di assistenza (ticket ma ancora meglio supporto telefonico)
  • Scelta del Sistema Operativo (Windows, Linux)
  • Spazio web su dischi veloci (SSD)
  • Possibilità di gestire il dominio a livello DNS
  • Servizio di gestione email con webmail , protezione antivirus e antispam
  • Posizione del data center che deve essere ospitato nel paese dove si avrà il maggior numero di visite
  • Possibilità di upgrade dei vari servizi inclusi nell’hosting
  • Accesso tramite pannello di amministrazione ai vari servizi per poterli gestire autonomamente
  • Attivazione e gestione servizi di backup
  • Attivazione e gestione servizi di databse (MYSQL, PHPMYADMIN)
  • Gestione dei certificati SSL

Per concludere, vogliamo consigliare di farsi supportare da agenzie come la nostra in grado di fornire servizi hosting professionali gestiti direttamente da sistemisti in grado di operare sui server per fornire un supporto immediato e per poter supportare il cliente nel migliore dei modi

Chi è alle prime armi tende a commettere l’errore di acquistare l’hosting più pubblicizzato in rete, ma non necessariamente è il migliore.

Differenza tra servizio hosting e dominio?

Si tende a fare confusione su questi due termini perché sono legati uno all’altro:

Il dominio è quel nome che scrivi dopo il www quando vuoi visitare un sito. Il dominio è di proprietà di chi lo registra e può anche non fare riferimento ad un sito, se non è associato ad un servizio hosting che permette la pubblicazione delle pagine.

l’hosting, è il servizio che contiene le pagine del sito o uno strumento di creazione di contenuti come WordPress o Joomla. Semplificando molto, un servizio hosting è un server)che risponde quando digiti il nome del dominio. Solitamente è un computer di un’azienda che ne affitta lo spazio e i servizi.

Come scegliere l’hosting giusto:

gratuito o a pagamento?o per meglio dire… hosting per divertimento o per lavoro? Questa è la prima domanda. Se la risposta è “divertimento”, si può scegliere tra i tanti servizi di hosting gratuiti disponibili in rete.

La scelta anche per questi servizi deve essere fatta con attenzione, perché i fornitori di hosting gratuiti, inseriscono banner pubblicitari nello spazio web che regalano o, peggio ancora, inseriscono clausole nei contratti di licenza d’uso che li rendono proprietari dei contenuti.

Questo vuol dire che qualsiasi cosa pubblichi all’interno del loro server diventa automaticamente di loro proprietà

Inoltre questi provider non forniscono un dominio di secondo livello ma di terzo e ciò vuol dire che non avrai un nome di dominio del tipo www.tuonome.com ma ti devi accontentare di qualcosa tipo tuonome.serviziohosting.com

Parlando di prestazione e di supporto in casi di malfunzionamenti, non c’è molto da dire se non che le prestazioni sono scadenti e il supporto diretto non c’è.

I siti pubblicati con questi servizi infatti risiedono su server condivisi da migliaia di utenti. Sono quindi sovraccarichi e le loro risorse sono spesso sottodimensionate per l’utilizzo richiesto.

Un altro fattore da considerare se la scelta è orientata verso un hosting gratuito è l’eventuale migrazione verso un servizio a pagamento nel caso i cui il progetto prenda il volo.

Questo fattore è molto importante e non deve essere trascurato.

Se il sito riceve tante visite perché i contenuti sono di buon livello ed è ben indicizzato, proprio nell’indicizzazione sta il problema.

Per fare la migrazione sarà necessario registrare un dominio, quindi  cambiare il nome al sito. Un lavoro enorme.

Come scegliere un hosting a pagamento – Chi propone risorse illimitate punta ad acquisire il maggior numero di clienti e sa che difficilmente questi clienti arriveranno ad utilizzare tutte le risorse del server.

Inoltre nel momento in cui il sito inizia a sviluppare traffico, se il sito èdinamico come ad esempio un blog o un sito di e-commerce, la prima risorsa che per così dire si esaurisce è la CPU.

In questo caso viene proposto un upgrade ad un servizio superiore.

Questo tipo di hosting è l’ideale per chi deve realizzare un sito da zero che deve sviluppare la propria posizione nel web.

Per quanto detto prima, gli stessi fornitori di hosting economici, propongono anche offerte di taglio superiore per siti che superano le 100.000 visite al mese. Il costo è solitamente doppio o triplo rispetto a quello di base, e più che per le risorse a taglio garantito (spazio web e traffico mensile) simili per tutti i provider, queste offerte si differenziano per i servizi compresi, come ad esempio

  • Supporto di assistenza
  • Servizi di backup avanzati
  • Certificati SSL compresi
  • Prodotti a pagamento pre installati (cdn, caching system)
  • Hardware di livello superiore con un numero massimo di utenti

Importante la reputazione on line di un hosting: La rete non perdona! Nel settore hosting, se un servizio è buono o scadente, se ne parla nei forum e nei blog. Si trovano esperienze, discussioni e confronti che possono aiutare a scegliere hosting

Talvolta sono proprio queste discussioni a stimolare i fornitori nel variare le loro offerte e i loro servizi in funzione delle reali esigenze dei loro utilizzatori.

Identificato l’hosting giusto, conviene tastare il servizio di assistenza e i server prima di scegliere definitivamente.

Un’altra prova si può fare è registrare il dominio e provare i servizio direttamente! Alcuni provider come ad esempio quelli che utilizzo per i miei progetti, offrono la formula soddisfatti o rimborsati.

Se ti è piaciuto il nostro articolo e vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo web e digital

Iscriviti alla newsletter

redazione