Voucher Digitalizzazione per lo sviluppo: cos’è e come richiederlo - Diple Web Agency Parma

Voucher Digitalizzazione: Cos’è e come si richiede

C’è tempo fino alle ore 17 del 9 febbraio 2018 per presentare domanda e tentare di ottenere il Voucher Digitalizzazione, misura introdotta dal Ministero per lo Sviluppo Economico volta ad incentivare l’ammodernamento delle micro, piccole e medie imprese.

IN COSA CONSISTE IL VOUCHER DIGITALIZZAZIONE

Si tratta di un contributo che dovrebbe andare a coprire il 50% del totale delle spese, per un valore che non deve superare il tetto di 10.000 euro.

Lo scopo del Voucher Digitalizzazione è quello di aiutare ambiti di intervento quali:

  • Migliorare l’efficienza aziendale
  • Implementare soluzioni software e hardware
  • Modernizzare l’organizzazione del lavoro
  • E-commerce
  • Banda Larga
  • Formazione qualificata nel campo ICT

CHI PUO’ USUFRUIRNE

Possono farne domanda tutte le imprese attive sul territorio italiano, a patto che vengano forniti i documenti necessari e seguito l’iter previsto dal Ministero. I riferimenti normativi sono quelli del Decreto Direttoriale del 24 Ottobre 2017, secondo quanto enunciato nel Decreto Legge 23/12/2013 n° 145 convertito in Legge 21/02/2014 N°9.

COME PARTECIPARE

Per poter partecipare è necessaria la Carta Nazionale dei servizi, ovvero un “certificato digitale” di autenticazione personale, e una casella di posta certificata regolarmente registrata presso la Camera di Commercio, la cosiddetta PEC.

Si può compilare la domanda nella sezione apposita del sito del Ministero dello Sviluppo Economico.  E’ bene sottolineare che non esiste un ordine cronologico di attribuzione, le possibilità sono aperte fino al termine ultimo stabilito.

L’iter successivo alla presentazione della documentazione richiesta prevede tre differenti passaggi:

  • Entro 30 giorni dal giorno di chiusura verrà emesso un provvedimento cumulativo di prenotazione comprensivo di tutte le imprese partecipanti, insieme all’importo dell’agevolazione;
  • L’impresa presenta, tramite procedura informatica, la richiesta di erogazione con titoli di spesa;
  • Il Ministero determina l’importo effettivo del Voucher assegnato.

 

 

 

LE ZONE D’OMBRA

Come spesso accade, non sempre il budget a disposizione riesce a coprire la possibile richiesta che, in questo caso, andrà quasi certamente a superare il “tesoretto” assegnato alla misura di sostegno.

Più nello specifico, le risorse disponibili per l’erogazione dei contributi consistono in 100 milioni di Euro. Una cifra certamente importante ma che, nonostante questo, rischia di essere insufficiente a fronte del numero di imprese italiane che potrebbero partecipare. E i conti sono presto fatti, basta guardare i dati Istat che stimano le attività imprenditoriali in Italia circa 4,3 milioni.

E su questi punti d’ombra il Ministero ha fatto sapere che procederà alla ripartizione delle risorse in proporzione al fabbisogno di ogni azienda.

Fateci sapere cosa ne pensate nella nostra pagina Facebook e LinkedIn !

Se vuoi ricevere sempre aggiornato sul mondo web e digital

Iscriviti alla newsletter

redazione